The Legend of Zelda: Skyward Sword HD – Recensione

The Legend of Zelda: Skyward Sword HD – Recensione

1 views
0

Non sono moltissime le saghe videoludiche nate negli anni ottanta che ancora oggi godono di ottima salute. E per ottima salute non vogliamo dire solo ed esclusivamente che vengano pubblicati titoli inediti di quel particolare brand: per la precisione intendiamo che questi giochi siano ancora centrali nell’industria videoludica e nel dibattito culturale che ruota attorno al mondo dei videogiochi. Tra queste saghe è impossibile non citare The Legend Of Zelda. L’epopea leggendaria di Link e Zelda compie infatti 35 anni e Nintendo ha pensato bene di festeggiare questo importante anniversario con una riedizione di un gioco uscito esattamente dieci anni fa: Skyward Sword.

In questa nostra nuova recensione vi daremo le nostre impressioni su questa remastered: impugnate dunque spada e scudo e immergetevi con noi all’interno del mondo leggendario di Zelda.

the legend of zelda skyward sword

Prima di ogni cosa

Per quanto il gioco in sé sia già edito da dieci anni, ci sembra giusto dare qualche accenno di trama per chi magari si voglia avvicinare a questo titolo per la prima volta e non giocò all’originale uscito per Nintendo Wii. Skyward Sword è infatti il capitolo della saga che – a livello cronologico – si colloca all’inizio della timeline zeldiana e narra, tra le tante cose, l’origine del male a Hyrule e in che modo è nata la Master Sword.

La vostra avventura inizierà in una città fluttuante sopra i cieli: Oltrenuvola. Qui, Link e Zelda, insieme ad altri simpatici personaggi, vivono la loro vita tranquillamente fino a quando qualcosa (o qualcuno) prenderà Zelda e la trascinerà sulla Terra. Sarà compito di Link andarla a cercare e scoprire quale entità malvagia si celi dietro questo rapimento.

legend of zelda skyward sword hd

Come abbiamo rimarcato, il gioco vuole dunque narrare le origini della Leggenda di Zelda e il mondo che esplorerete sarà molto poco abitato e, potremmo dire, acerbo. Non aspettatevi grandi villaggi e tanti NPC con cui scambiare qualche parola. In un certo senso, il mondo di Skyward Sword è simile e opposto a quello di Breath of the Wild. Se nel primo ci troviamo infatti in luoghi che devono ancora prosperare, nel secondo troviamo invece un mondo povero e in rovina.

Switch Motion Plus

Dopo qualche accenno di trama è giusto passare al gameplay. Anche qui è doveroso fare una premessa: se il vostro primo Zelda è stato Breath of the Wild, aspettatevi qualcosa di completamente diverso; se invece avete avuto la possibilità di giocare ad altri capitoli della saga, sappiate che vi troverete perfettamente a vostro agio. Sì, perché The Legend of Zelda: Skyward Sword HD è, prima di ogni altra cosa, uno Zelda classico. Procederete infatti con l’iter tipico della maggior parte dei capitoli della serie. Non vi aspettate la libertà di Breath of the Wild; qui la progressione sarà lineare. Sbloccherete una zona, risolverete gli enigmi ambientali, vi addentrerete in un dungeon, recupererete un oggetto nuovo per la vostra avventura e affronterete il boss di fine dungeon per poi passare alla zona successiva. Tuttavia, Skyward Sword si distingueva dagli altri titoli per una peculiarità che è stata ripresa fedelmente anche per questa riedizione in HD su Nintendo Switch: il motion plus.

legend of zelda skyward sword hd

Nel capitolo originale per Wii, infatti, si giocava impugnando il Wii Motion Plus in modo da simulare la spada e lo scudo di Link. Per The Legend of Zelda: Skyward Sword HD, Nintendo ha riportato questa meccanica di gioco grazie ai Joy-Con: preparatevi dunque a sentirvi nuovamente nei panni di Link con movimenti nel gioco responsivi e fedeli ai vostri nella realtà. Per quanto i Joy-Con per Switch siano più precisi e reattivi rispetto al Wii Motion Plus, sarete costretti a sincronizzare spesso i controller poiché dopo un po’ di tempo può succedere che i Joy-Con non rispettino più i vostri movimenti.

Per fare un esempio concreto, potrebbe accadere che vorrete sferrare un attacco laterale e invece Link effettuerà un attacco in direzione diagonale o verticale. Nintendo, probabilmente cosciente di questo possibile inconveniente, ha comunque integrato una funzione nel menu di gioco che vi permetterà di risincronizzare i Joy-Con immediatamente.

The Legend of Zelda: Skyward Sword

Nonostante il titolo sia stato concepito con questa filosofia di gioco in mente, questa nuova versione presenta una nuova modalità di gameplay. Potrete infatti giocare utilizzando anche l’assetto classico da controller Nintendo.

In questo caso perderete molta dell’immedesimazione in Link che il gioco vuole trasmettere ma vi eviterà di incorrere in problemi di sincronizzazione o, in generale, di movimento. Con questa modalità, i movimenti direzionali della spada saranno effettuati con l’analogico destro. Un’aggiunta che non dispiace, che fa perdere però molta dell’originalità di questo titolo.

legend of zelda skyward sword hd

Remastered

Sul fronte grafico il gioco è stato rimasterizzato in alta definizione ma non vi aspettate unagrafica da urlo in 4K di ultima generazione o modelli rifatti da zero. The Legend of Zelda: Skyward Sword HD è una remastered, non un remake. Chiarito questo, rispetto al titolo originale del 2011, Skyward Sword HD appare indubbiamente più pulito e bello a vedersi. In tal senso, ha aiutato molto il comparto grafico dell’originale. Skyward Sword si proponeva infatti con uno stile visivo che si poneva in mezzo a quello maturo e cupo di Twilight Princess e a quello allegro e vivace di Wind Waker. La rimasterizzazione in alta definizione ha aiutato molto a valorizzare, a livello artistico, quanto Nintendo aveva già fatto nel 2011. Sul piano della fluidità, il gioco mantiene stabili i suoi 60 FPS e non abbiamo notato cali di frame nel corso dell’intera partita. Il comparto sonoro rimane invece invariato ed eccezionale come quello del 2011: Skyward Sword fu infatti il primo capitolo della serie ad avere una colonna sonora completamente orchestrata.

Per quanto concerne le note negative, abbiamo ritrovato le stesse del titolo originale. The Legend of Zelda: Skyward Sword HD, come l’originale, soffre di una eccessiva semplicità e linearità e nonostante abbia implementato delle meccaniche che diverranno fondamentali per il prosieguo della saga (come la barra della stamina), il gioco non riesce a reggere il confronto con altri capitoli più riusciti come Ocarina of Time o lo stesso Breath of the Wild arrivato dopo.


The Legend of Zelda: Skyward Sword HD è una riedizione fedele dell’originale capitolo di Zelda uscito per Nintendo Wii nel 2011. Il titolo gode dunque degli stessi pregi e difetti. Nonostante questo, i Joy-Con del Nintendo Switch sono più reattivi del Wii Motion Plus e rendono l’esperienza di gioco più piacevole. The Legend of Zelda: Skyward Sword HD rimane comunque un capitolo della saga leggendaria di Nintendo degno di essere scoperto (o riscoperto) e imprescindibile per chiunque voglia conoscere come l’epopea di Link e Zelda ha avuto inizio. Consigliato dunque a fan storici della saga e non. Chi invece ha avuto modo di giocare all’originale, potrà rivivere quest”avventura con i 60 fps stabili e un comparto grafico in alta definizione. 

L’articolo The Legend of Zelda: Skyward Sword HD – Recensione proviene da GameSource.

Puoi trovare giochi e key scontate qui www.instant-gaming.com

Your email address will not be published. Required fields are marked *